Rieducazione Posturale

Cosa si intende per rieducazione posturale? 

Con rieducazione posturale s’intende l’insieme di tutti gli esercizi attivi che si pongono come obiettivo quello di migliorare la postura attraverso il rinforzo muscolare. In primis, con la rieducazione posturale s’intende rinforzare la cosiddetta regione del CORE, la quale garantisce stabilità e sostegno per TUTTI i movimenti che il corpo esegue. Una buona postura passa inevitabilmente da un’adeguata stabilità del core.  Ma quali sono i muscoli specifici che troviamo inclusi sotto questa nomenclatura?  Quando parliamo di CORE facciamo riferimento a : 
  • Tutti i muscoli addominali, responsabili della flessione del rachide; 
  • Tutti i muscoli che troviamo nella regione lombare e responsabili dell’estensione del rachide 
  • I muscoli Glutei (grande, medio, piccolo). 

A cosa serve la rieducazione posturale? 

Un buon tono-trofismo di questi muscoli previene sintomi quotidiani come la lombalgia e garantisce una migliore stabilità corporea sia dinamica che statica, il tutto si traduce con un’unica parola: PREVENZIONE.  La rieducazione posturale prevede anche una serie di esercizi respiratori, ogni esercizio attivo deve essere associato ad una corretta respirazione durante lo stesso.  Ad essere inclusi sono anche esercizi di mobilizzazione degli arti superiori e inferiori oltre che del rachide cervicale, in modo tale da garantire un benessere completo di tutto il corpo e prevenire tutti quei sintomi dolorosi frequenti nella quotidianità di tutti i giorni.  La rieducazione posturale gioca un ruolo importante anche in termini di CURA oltre che di prevenzione. In caso di condizioni patologiche quali scoliosi o ernie discali, abbracciare un percorso riabilitativo attivo è il primo passo da compiere per eliminare la sintomatologia dolorosa associata.  L’educazione e la rieducazione posturale sono utili a qualsiasi età. Infatti esiste la ginnastica posturale per i bambini e per i ragazzi, così come la ginnastica posturale per gli anziani.  Per quanto riguarda i piccoli, il loro sviluppo psicomotorio dovrebbe sempre essere monitorato attraverso un’attenta osservazione da parte dei genitori. Quando si rilevano posture viziate o atteggiamenti alterati è opportuno rivolgersi a uno specialista.  

Come fare rieducazione posturale e a chi rivolgersi? 

E’ importante sottolineare che questa attività richiede un certo grado di personalizzazione, in base alle esigenze e alle condizioni di ciascuno. Questo per due motivi: 1. per ottimizzare al massimo l’efficacia degli esercizi; 2. per non andare incontro a danni.   È per questo che sconsigliamo la “ginnastica posturale fai da te” dato che potrebbero esserci esercizi da evitare,  meglio rivolgersi a uno specialista e a  personale sanitario come il fisioterapista che possa guidarti in un percorso ad hoc.   A seconda del caso specifico consiglierà se fare sedute individuali o di gruppo;  indicherà eventuali esercizi da fare a casa e gli strumenti da utilizzare (panca, palla, elastici…);  dirà quante volte a settimana fare rieducazione posturale. 

NEWSLETTER

inserisci la tua email per ricevere tutte le nostre news

Quando navighi su questo sito, cookies, anche di terze parti e altre tecnologie raccolgono dati per migliorare la tua esperienza e personalizzare il contenuto che vedi. Proseguendo la navigazione, chiudendo questo banner o cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Se vuoi negare il consenso interrompi la navigazione o consulta la nostra cookie policy Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi